Passa ai contenuti principali

Festa Patronale: tradizioni, folklore e identità di una comunità


   Credo che l’attesa, la magia e la bellezza che si creano intorno all’arrivo della festa patronale non possano essere paragonate a quelle di nessun altro evento nella propria città nel corso dell’anno. La “Festa Grande”, con le sue tradizioni, i suoi rituali, il suo folklore, sembra rappresentare il più delle volte l’unico baluardo del legame con la terra dove siamo cresciuti, del sentimento di appartenenza alla nostra comunità che non svanisce nemmeno quando diventiamo cittadini del mondo. E spesso sono proprio i nostri concittadini residenti all’estero, soprattutto in America, a dimostrare di non dimenticarsi delle proprie origini, replicando la venerazione della santa patrona anche lì o tornando in vacanza nel paese natìo durante i giorni della ricorrenza, contribuendo alla realizzazione della festa con delle donazioni.

Foto presa dalla pagina Facebook del
Comitato Festa Patronale "Maria SS. Addolorata" Mola di Bari 
   Nel mio paese, Mola di Bari, la festa patronale in onore di Maria SS. Addolorata nei quattro giorni a lei dedicati (dal venerdì al lunedì della seconda settimana di Settembre), diventa un rituale e un’occasione di incontro per tutti gli abitanti, al quale per devozione alla Madonna o per semplice curiosità non si sottraggono.
   Per questa importante e centenaria tradizione, il paese comincia a prepararsi da numerose settimane prima, per non tralasciare nessun dettaglio e riservare alla sua protettrice un’accoglienza festosa e calorosa. E così come esso si mostra in tutto il suo splendore con le luminarie, i colori vivaci dei fuochi pirotecnici, le sante messe e i concerti per banda, allo stesso modo i suoi cittadini onorano la Patrona prendendo parte ai festeggiamenti indossando l’abito più bello e più nuovo.

  La partecipazione è contagiosa in tutti gli eventi che scandiscono questa ricorrenza e la commistione di suoni, musiche, luci, odori, il fitto brusio di voci ed il silenzio al tempo stesso, tutto ciò crea un’atmosfera particolare. I momenti di riflessione e quelli di svago si incastrano alla perfezione, attirando l’attenzione di grandi e piccoli.
   Tre sono quelli che balzano subito alla mia mente e ai quali sono affezionata… a cominciare dall’accensione delle luminarie, che rappresenta come da tradizione l’apertura del sipario sulla festività. Tutti gli occhi sono puntati verso quei piccoli led che decorano alti pali ed archi in legno, curiosi di scoprire ogni anno di quale colore illumineranno soprattutto Piazza XX Settembre, Via Di Vagno e Via Van Westerhout… e come fare a resistere all’impulso di immortalare quell’istante carico di magia in uno scatto da condividere sui propri social?

Foto presa dalla pagina Facebook del
Comitato Festa Patronale "Maria SS. Addolorata" Mola di Bari 
   Un altro momento ricco di significato è sicuramente quello del raccoglimento in preghiera durante la processione di gala della domenica mattina, quando la statua della Vergine Addolorata, scortata dalle autorità religiose, civili e militari, percorre le strade più importanti del paese per fare la sua benedizione, e in seguito ritorna nella Chiesa di Santa Maria Maddalena accolta da fedeli e non. Pochi istanti prima di rientrare, il Sindaco affida simbolicamente alla Madonna le “chiavi” della città e così la preghiera personale sembra elevarsi ad una dimensione più pubblica, diventando a tutti gli effetti un’esortazione corale alla Patrona a proteggere la sua comunità, in paricolar modo dall’incapacità di saper compatire le persone più fragili con cui viviamo accanto.

   E in ultimo, l’appuntamento con lo spettacolo pirotecnico a fine festa, tanto da poter essere quasi considerato, a mio parere, un elemento se non sacro, sicuramente imprescindibile della festa patronale. Tanto da non ammettere distrazioni. In quel lasso di tempo in cui i nasi restano all'insù, i battiti del cuore sembrano viaggiare allo stesso ritmo di quei fuochi colorati che sbocciano nel cielo, il respiro si fa più lento e lascia spazio all'espressione di stupore sui nostri volti: un’immagine che subito riporta la nostra mente a quel ricordo di noi bambini seduti a guardarli divertiti sulle larghe spalle dei nostri genitori. L’applauso finale è proprio il segno di gradimento e ringraziamento degli abitanti per i festeggiamenti svoltisi.

   Per concludere, penso sia responsabilità di tutti, nel proprio piccolo, continuare a tramandare, così come hanno fatto i nostri antenati, la tradizione della festa patronale alle future generazioni affinché possano comprendere l’importanza di questo patrimonio culturale immateriale in termini di acquisizione della consapevolezza di appartenere a una data comunità, e allo stesso tempo di incoraggiamento al rispetto delle diversità culturali.

Anna Susca




Post popolari in questo blog

La conversanese Ilaria De Marinis ha trionfato nella categoria "produzione letteraria" del Premio Giovani Eccellenze Pugliesi #studioinpugliaperché

Crediamo che oltre a promuovere l'arte, la cultura e le tradizioni di questa città, sia importante anche valorizzare le persone che possono essere per Conversano motivo di orgoglio. È per questo che siamo contenti di dare un piccolo spazio a una nostra concittadina, Ilaria De Marinis, 23 anni, studentessa di Filologia Moderna all'Università di Bari.      A gennaio di quest’anno, infatti, si è svolta la terza edizione del Premio Giovani Eccellenze Pugliesi #studioinpugliaperché, l’iniziativa dell’Assessorato regionale alla Formazione e ARTI rivolta sia a diplomati che a laureati, con l'obiettivo di far emergere le motivazioni per cui un giovane sceglie di studiare in Puglia e, al tempo stesso, di far raccontare la qualità di atenei e istituti di alta formazione pugliesi. E proprio nei giorni scorsi, la giuria ha decretato come il migliore della categoria produzione letteraria l'elaborato di Ilaria, che ha vinto il primo premio. Per cui abbiamo deciso di rivolgerle alcune …

Festa di Santa Rita e SS. Medici - Conversano

Si rinnova l'appuntamento con la festa dei Santi Patroni Minori della Città di Conversano e della Diocesi nei giorni 6, 7 ed 8 ottobre 2018
Domenica 7 ottobre due appuntamenti importanti:
- alle ore 11.00 la Santa Messa con Benedizione degli automezzi e processione della piccola statua di Santa Rita;
-  alle ore 17.00 la Processione di Gala dei Santi patroni.
La giornata sarà allietata dal Concerto Bandistico Città di Conversano "Giuseppe Piantoni" M°  Susanna Pescetti e dalla Banda città di Bitonto "Tommaso Traetta" che seguirà le due processioni.
I fuochi pirotecnici, curati dalla ditta Bruscella Italian Fireworks, saranno incendiati da Via S. Vito e visibili da piazza Castello alle ore 22.00.

Lunedì la festa prosegue con l'esibizione del Concerto Bandistico Città di Conversano "Gioacchino Ligonzo" M° Angelo Schirinzi

Le luminarie sono curate dalla pluripremiata ditta Cav. Vito Faniuolo e Figli
Lunapark nei pressi del Campo Sportivo
Durante le s…

Conversano, Stagione teatrale 2019/2020 Cine Teatro Norba

Un programma divertente e di grande qualità quello organizzato in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese al Cinema Teatro Norba, con spettacoli per tutti i gusti: prosa, ballo, musica, comicità, con tanti interpreti di indiscusso valore.

Vito Signorile e Antonio Stornaiolo, Anna Galiena, Debora Caprioglio, Angela Finocchiaro, RADICANTO e Nabil Salameh, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, Pinuccio, Isa Danieli e Enrico Ianiello sono soltanto alcuni dei protagonisti che dal prossimo 16 gennaio daranno vita ad un cartellone di 8 spettacoli tutti da vedere! La campagna abbonamenti è già aperta!

Per i prossimi 10 giorni sarà attiva la prelazione per gli abbonati della scorsa stagione. Dal 16 dicembre partirà la vendita aperta a tutti.

Biglietti e abbonamenti saranno in vendita presso il botteghino del Teatro Norba (Piazza dalla Repubblica, 25 - Tel 080.495.95.47) tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle ore 18.30 alle ore 21.00.

Sarà possibile acquistare abbonamenti e biglietti anche con …