Pupe della Quarantana 2018

Tradizione quaresimali a Conversano
Secondo i testi scritti dall’architetto Sante Simone, in passato vigeva l’usanza di appendere da un balcone all’altro, in occasione del periodo quaresimale, sette bambole di pezza. Il rito, utile per contare le settimane mancanti al giorno della resurrezione, prevedeva che ogni sette giorni venisse tolta una pupa, fatta cadere e chi la prendeva, i bambini, ricevevano una ciambella: le bambole, infatti, vengono chiamate “pupe della quarantana” per ricordare il tempo che precede l’evento pasquale.
Tale tradizione viene ricordata e mantenuta annualmente dall’ Ass. Pro Loco: dal mercoledì delle ceneri le pupe verranno agganciate al balcone del Castello, lato Piazza Castello, ed ogni domenica, a partire dal 18 febbraio, al tramonto avverrà la discesa di una pupa.
Al termine della discesa dell’ultima pupa, prevista per la domenica di Pasqua del 1 aprile, saranno distribuiti o etti di cioccolata e caramelle ai bambini presenti. Un evento, dunque, che vuole unire passato e presente in virtù delle tradizioni e del folklore della nostra città che non devono essere dimenticate.
#proloco #unpli #patrimonioimmateriale #unplipuglia #unesco #tradizioni #quaresima18