"MADRE" - La città delle donne Sabato 29 Aprile ore 20:30 - 22:00

"MADRE": performance di Gabriele Morleo. 

La madre è corpo immobile, simulacro cristallino del ruolo ancestrale.

Imbalsamata nel suo atto di dolore l’istantanea è offerta al pubblico nelle mura del monastero; nel silenzio una stanza si vela.

La performance, della durata di un’ora, avrà inizio alle 20,30.

Gabriele Morleo è nato nel 1981 a Conversano (Ba), vive a Livorno e a Roma dove ha studiato Arti e Scienze dello spettacolo presso l'Università “La Sapienza”. Nel 2005 fonda la casa di produzione cinematografica indipendente “Koyaanisqatsy” con la quale produce e dirige la docufiction “Gramsci, film in forma di rosa” girato all'interno della Casa Circondariale di Turi e che ha visto protagonisti gli stessi detenuti. Il film è stato distribuito e proiettato in Italia e all'estero. Nel 2012 fonda a Livorno, assieme ad altri artisti, “CARICO MASSIMO/Contenitore d’arte contemporanea. Sempre nel 2012 dirige con Federico Cavallini il critofilm “Gli dei Partono. Documentazione di un lavoro”. Ha all'attivo diverse mostre personali e collettive, tra le più importanti “Imaginary Landscape”, collettiva realizzata a Luglio 2015 con il “Centro per l'arte Contemporanea Luigi Pecci” di Prato nell'ambito del progetto “Tu35” e “La Macchina Mondiale” (Palazzo Caetani, Cisterna di Latina, 2016) personale curata dal filosofo Diego Fusaro.  

SABATO 29 APRILE
ORE 20.30-22.00
LA CITTÀ DELLE DONNE 
MONASTERO DI SAN BENEDETTO 

https://www.facebook.com/events/1252445311541199/