Bacco nelle gnostre 5 e 6 novembre 2016

Bacco nelle gnostre 2016

Sabato 5 e domenica 6 novembre l’appuntamento è a Noci per Bacco nelle gnostre: la manifestazione enogastronomica più attesa dell’autunno pugliese sarà, per il diciassettesimo anno consecutivo, vero attrattore per turisti e visitatori desiderosi di trascorrere due serate in compagnia di buon vino, specialità gastronomiche pugliesi, cultura, musiche e danze popolari. Subito una novità: nella giornata di domenica la festa sarà garantita sin da pranzo, con l'apertura straordinaria dei banchi di degustazione a partire dalle ore 12 e numerose iniziative collaterali per intrattenere i visitatori. 

L’evento, curato nei dettagli dal Parco Letterario Formiche di Puglia in collaborazione con il Comune di Noci sarà, ancora una volta, occasione per accendere i riflettori sulle tipicità e tradizioni di Puglia, favorendo le dinamiche di destagionalizzazione: oltre 100.000 i visitatori accorsi nelle passate edizioni, con un numero sempre crescente di turisti forestieri. A confermarlo sono gli hotel, i b&b e le strutture agrituristiche di Noci e dintorni lieti di accogliere gli ospiti con offerte dedicate al “weekend di Bacco” che stanno riscuotendo un gran numero di prenotazioni.

I sommelier dell’Ais Puglia sono pronti a far degustare il migliore vino rosso, novello ma non solo. In Piazza Garibaldi i visitatori saranno deliziati dalle specialità preparate dallo chef Natale Martucci: anche quest’anno, infatti, il ristorante all’aperto realizzato dall’Azienda Agricola Lama Chiara e da Il Falco Pellegrino accoglierà i visitatori con una proposta variegata. La tradizione culinaria pugliese si presenterà in tutte le sue declinazioni lungo l’Estramurale dei Sapori in Via Vittorio Emanuele e Via Cavour: decine e decine di stand accoglieranno gli operatori della gastronomia pronti ad offrire carne alla brace, panzerotti e panini, latticini e formaggi, legumi e pesce. Ce n’è per tutti i gusti anche nell’area dedicata ai dolci, dislocata su Via Principe Umberto, con pasticceria dolce e secca, tortino al cioccolato, pasticciotti, liquirizia, miele e rosoli.



Banconi aperti già dalle ore 17 di sabato 5 novembre per provare a scongiurare l’affluenza nelle sole ore di punta: l’Associazione sta invitando, infatti, i visitatori a godere della manifestazione sin dal pomeriggio, evitando le file e seguendo le indicazioni degli operatori della viabilità. Nella periferia della cittadina saranno presidiati parcheggi periferici, con servizio di bus navetta assicurato per tutto lo svolgimento della manifestazione. Nella giornata di domenica 6 novembre, invece, la festa riparte già da ora di pranzo e prosegue per l’intera giornata.
Immancabile il mercatino dell'artigianato in Via Calvario e via Principe Umberto; confermato anche l'impegno sociale con la presenza di numerose associazioni no profit che, gratuitamente, trovano spazio nell'evento con la possibilità di autofinanziare attività importanti come quelle dell'Unicef, Airc, Unitalsi, Aidp, Gruppi Scout.

Bacco solidale per Amatrice
Quest'anno, inoltre, Bacco si fa solidale anche nei confronti di Amatrice grazie ad una partnership tra il Parco Letterario Formiche di Puglia, LaFusillo Costruzioni, attenta al tema dell’edilizia responsabile, e la Caritas parrocchiale del “SS. Nome di Gesù”: per l’occasione la cittadina accoglierà il parroco di Amatrice, Don Fabio Gammarrota, che sabato 5 novembre celebrerà la Santa Messa assieme a Don Maurizio Cardaralo. Sarà, inoltre, allestito uno stand in cui poter acquistare e assaggiare prodotti tipici provenienti da aziende delle zone più colpite, la cui attività di produzione ha risentito delle conseguenze disastrose del sisma. Solo per sabato 5 novembre, infine, sarà possibile degustare un piatto di spaghetti all’amatriciana, la cui preparazione sarà affidata ad uno chef d’eccezione aiutato da numerosi volontari. Le offerte raccolte saranno destinate ad una o più famiglie che il parroco di Amatrice segnalerà tra quelle più bisognose di aiuto.