Passa ai contenuti principali

Scatti di poesia: Mostra fotoletteraria - dal 28 settembre al 26 ottobre 2014, Monopoli (BA)


MONOPOLI – Parte quest’anno un’iniziativa programmata con cadenza annuale, grazie alla quale si potranno ricavare nuove e originali immagini della Puglia da offrire sia ai pugliesi sia ai numerosi visitatori che scelgono questa regione e, in particolare Monopoli, come mete turistiche di prim’ordine.

L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Questi ultimi, individuati dal Centro Ricerche per la Fotografia Contemporanea, si sono ispirati a testi poetici dedicati alla Puglia da autori ormai storicizzati, per produrre uno scatto originale, lontano dai soliti cliché e dalle più consumate cartoline.


Dodici i testi, dodici gli scatti e dodici i fogli del catalogo-calendario artistico che verrà realizzato e reso disponibile durante il periodo della mostra, ospitata nella superba cornice del Castello di Monopoli. 
L’iniziativa, a cura di Lino Angiuli e Giuseppe Pavone, è promossa dall’Assessorato regionale al Mediterraneo, alla Cultura e Turismo della Regione Puglia, su proposta della Quorum Italia, agenzia di comunicazione barese molto attiva nel settore culturale.
Anche la Città di Monopoli ha voluto attivamente partecipare, grazie alla positiva valutazione del delegato alla Cultura Giorgio Spada. La qualità dell’operazione è altresì testimoniata dalla concessione del patrocinio da parte del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.
La mostra sarà aperta al pubblico tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle ore 10 alle 12 e dalle 18 alle 21, a partire dal 28 settembre fino al 26 ottobre 2014.
L’inaugurazione è fissata per il 27 settembre, alle ore 19, con i saluti dell’Assessore regionale al Mediterraneo, Cultura e Turismo Silvia Godelli, del Sindaco di Monopoli Emilio Romani e gli interventi dei curatori. 
Durante il periodo dell’esposizione sono previsti due incontri a tema, entrambi alle ore 17: il 10 Ottobre “La Puglia nella fotografia”, conversazione di Enzo Velati, con proiezioni; il 24 Ottobre “La Puglia nella poesia”, conversazione di Daniele Maria Pegorari, con letture di Lino Di Turi.
Hanno anche aderito l’Archivio della Poesia Pugliese attivo presso la Biblioteca comunale “Mons. A. Amatulli” di Noci, l’Accademia di Belle Arti di Bari e il Liceo Artistico e Musicale “Luigi Russo” di Monopoli.
Collaborano all’iniziativa la rivista «Incroci» semestrale di letteratura e altre scritture, edita da Adda (Bari), Epolis Bari, Zoebra film di Monopoli e Terranima di Bari.
Per informazioni:


Monopoli (Bari)
Castello Carlo V
10-12, 18,21
ingresso libero
Info. 080.9303014

Post popolari in questo blog

Giuseppe Lovascio è Sindaco di Conversano

  L'avv. Giuseppe Lovascio, liste civiche, è stato eletto Sindaco della Cittá di Conversano con il 54% dei voti, per lui è la terza volta che ricopre la carica di primo cittadino  Il candidato del centro sinistra avv. Pasquale Loiacono ha ottenuto il 47% dei voti.

Cavallo razza Conversano

Con la venuta degli Acquaviva d'Aragona a Conversano ed esattamente Giulio Antonio I nel 1456 , si sviluppo' una prestigiosa razza dei cavalli Conversano . Le terre dei conti erano adatte agli allevamenti e allo sviluppo dei cavalli, dovuto alle condizioni favorevoli di aree collinose, e molto probabilmente nelle zone di Alberobello , Noci e ai confini di Martina Franca , erano allevati i cavalli e non nella prossimità di Conversano . Alcuni cenni li ritroviamo su alcune masserie, nei libri intitolati Umanesimo della Pietra: La masseria Bonelli di Noci, citata da Nicola Bauer Umanesimo 79, che risale al 1636, sulla pietra dell'arco del portale era inciso: "Per oridine di GianGirolamo Acquaviva d'Aragona , ottavo conte di Conversano , 1636 ". Il conte era il Guercio delle Puglie e la pietra riportava anche lo stemma dei Conti di Conversano. Un'altra si presumeva era "La cavalerizza", fra le strade di Alberobello , Monopoli , Fasano . Sul

Lo spumone artigianale di Conversano - progetto enogastronomia Servizio Civile 20/21

Punta di diamante della produzione dolciaria locale, lo spumone è un tipico dessert al cucchiaio goloso, fresco e cremoso, preparato con gelato artigianale e perfetto da gustare dopo i pasti. La forma ricorda quella di una cupola in cui si alternano strati di gelato accomunati da un cuore morbido o croccante, a seconda delle tante versioni che si sono diffuse in tutto il sud Italia. Il gusto classico dello spumone è nocciola e cioccolato, arricchito da panna, mandorle tritate e cioccolato fondente in pezzi al suo interno.  In passato, lo spumone era un dolce che abbondava soprattutto nei banchetti nuziali delle famiglie più abbienti e nelle feste patronali. Originariamente nasce a Napoli nel XIX secolo, probabilmente per opera dei “monzù”, cuochi presso le case nobiliari, in occasioni di eventi particolari e celebrazioni. Negli anni lo spumone si è diffuso a macchia d’olio in tutto il meridione, prevalentemente nella regione pugliese, diventando il simbolo celebrativo delle domeniche e